MigraElements + MigraBasics + Melatonina Zn-Se Pierpaoli

MigraElements + MigraBasics + Melatonina Zn-Se Pierpaoli

  • Solo online
  • Offerta
  • Pack
Melatonina Zinco-Selenio Pierpaoli - MigraBasics - MigraElements

IL PACK CONTIENE:

1 conf. MELATONINA ZINCO SELENIO
L'unica Melatonina prodotta su indicazioni specifiche e sotto il controllo scientifico del Dr. Pierpaoli.

1 conf. MIGRABASICS
Innovativa formulazione a base di Vitamina B2, B6, Selenio e Coenzima Q10.

1 conf. MIGRAELEMENTS
Essenziale formula con estratti di Partenio, Salice e Rame utile per contrastare situazioni muscolo-tensive.

100% secure payments
Verifica costi e tempi di spedizione
Spese di spedizione
12,09 €
Tempi di consegna
Europa e U.S.A. East 24h - Altre nazioni 48h


74,80 € Risparmia 25,00 €
99,80 €
IVA inclusa

La confezione contiene

Melatonina Zinco-Selenio Pierpaoli
Melatonina Zinco-Selenio Dr.Pierpaoli 1mg - 60 cpr - 1 Confezione
15,80 €
x 1
MigraElements: un supporto naturale contro l'emicrania a base di partenio e salice
MigraElements: un supporto naturale contro l'emicrania e dolori localizzati
42,50 €
x 1
MigraBasics: esclusiva formulazione a base di Coenzima Q10, Vitamine e Selenio
MigraBasics: Coenzima Q10, Vitamine E, B2, B6 per energia e vitalità mentale
42,50 €
x 1
Quantità

IL PACK CONTIENE:

1 conf. MELATONINA ZINCO SELENIO
L'unica Melatonina prodotta su indicazioni specifiche e sotto il controllo scientifico del Dr. Pierpaoli.

1 conf. MIGRABASICS
Innovativa formulazione a base di Vitamina B2, B6, Selenio e Coenzima Q10.

1 conf. MIGRAELEMENTS
Essenziale formula con estratti di Partenio, Salice e Rame utile per contrastare situazioni muscolo-tensive.

100% secure payments
Verifica costi e tempi di spedizione
Spese di spedizione
12,09 €
Tempi di consegna
Europa e U.S.A. East 24h - Altre nazioni 48h


Ricco di COENZIMA Q10

SISTEMA NERVOSO

METABOLISMO

STRESS OSSIDATIVO!

MIGRABASICS: Coenzima Q10, Vitamina B2, B6, Vitamina E, Selenio
È un integratore alimentare di Coenzima Q10 e Vitamine B6 e B2, le quali contribuiscono al normale funzionamento del sistema nervoso, al normale metabolismo energetico e alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento, Vitamina E e Selenio che contribuiscono alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.
1 Confezione da 60 capsule

COSA CONTIENE MIGRABASICS?
MigraBasics contiene: Coenzima Q10 (noto anche come Vitamina Q o Ubichinone),Vitamina B2, Vitamina B6, Vitamina E e Selenio.
Il Coenzima Q10 (Vitamina Q o Ubichinone): svolge un ruolo fondamentale nel processo di fosforilazione ossidativa a livello mitocondriale, nei processi metabolico-energetici e di protezione da agenti ossidanti. È una sostanza presente nei tessuti cellulari: un potente antiossidante utile per: sostenere il normale metabolismo energetico stimolare le normali difese immunitarie anti-aging: la sua concentrazione nei tessuti diminuisce in situazioni di stress, invecchiamento ed esercizio fisico. Vitamine del gruppo B, nello specifico: la Vitamina B2 che contribuisce al mantenimento di una pelle normale, alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo e al normale metabolismo energetico; la Vitamina B6 che contribuisce al normale metabolismo dell’omocisteina, al normale metabolismo proteico e del glicogeno, al normale metabolismo energetico e alla regolazione dell’attività ormonale; la Vitamina E contribuisce alla normale protezione delle cellule dallo stress ossidativo.
Il Selenio è un valido antiossidante, infatti contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo

QUANDO e PERCHÈ ASSUMERE MIGRABASICS?
MigraBasics è una formulazione multi-nutriente a base di vitamine e minerali per sostenere il normale metabolismo energetico, le normali prestazioni mentali e la normale funzione psicologica. Molto spesso alcune condizioni come:
• emicrania;
• ansia e stress;
• la convalescenza;
• gli stati riabilitativi;
• il deperimento organico da patologie croniche;
• lo stress psicofisico da aumentata attività lavorativa o studio;
• l'aumentata attività fisica;

Provocano ad uno stato generalizzato di affaticamento (sensazione di stanchezza) definita ASTENIA. La presenza delle vitamine del gruppo B quali B2 e B6 contribuisce al normale metabolismo energetico ed alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento.
MigraBasics è un prodotto naturalmente senza glutine e naturalmente privo di lattosio.

Dosaggio:
Si consiglia l’assunzione di 1-2 capsule al giorno.

PERCHÈ LA NOSTRA FORMULA?

La formula di MigraBasics è frutto di oltre 10 anni di esperienza dell'esperto medico tedesco Dr. med. Ulrich Selz.
Bio-Clock effettua un'accurata selezione delle materie prime.
In nutraceutica la cura e la selezione del principio attivo influisce direttamente sulla bontà e sull'effetto benefico del prodotto.
Gli ingredienti utilizzati in MigraBasics sono certificati e tracciati, ogni lotto viene singolarmente ispezionato e verificato al fine di assicurare l'effetto benefico degli ingredienti.

Il Coenzima Q10 (Vitamina Q o Ubichinone): svolge un ruolo fondamentale nel trasporto degli elettroni coinvolti nel complesso processo di fosforilazione ossidativa mitocondriale.
I mitocondri sono direttamente coinvolti nei processi metabolico-energetici, nella respirazione cellulare e nella protezione da agenti ossidanti.
In particolare, i mitocondri sono presenti in gran numero nelle cellule spermatiche, ove forniscono l’energia necessaria alla motilità e vitalità degli spermatozoi.
La vitamina B2 nota anche come riboflavina ha un ruolo fondamentale in quanto consente la sintesi in tutti i processi energetici. La sua peculiarità principale è quella di rilasciare nel corpo umano la corretta dose di energia necessaria all’esecuzione delle attività quotidiane. La vitamina B6 nota anche come piridossina serve come coenzima di enzimi coinvolti nel metabolismo degli aminoacidi, degli acidi grassi e degli zuccheri, contribuisce alla normale formazione degli ormoni, dei globuli bianchi e rossi. Altrettanto importante è la sua funzione di formare una barriera immunitaria posta a difesa delle malattie, di stimolare le funzioni cerebrali e di prevenire l’invecchiamento. Per questo la vitamina B6 viene utilizzata in numerosi prodotti cosmetici ed anti-invecchiamento.

La Vitamina B6 fa parte delle vitamine cosiddette idrosolubili, che non possono essere accumulate nell’organismo, ma devono essere regolarmente assunte attraverso l’alimentazione. La carenza di vitamina B6 viene registrata in rari casi. Essa può causare un’assunzione di colorito più chiaro da parte dei globuli rossi (anemia ipocromica), nonchè facilitare la formazione dei calcoli renali. In casi meno gravi, la carenza di vitamina B6 dà luogo a debolezza ed apatia fisica e mentale diffuse, o anche a spasmi muscolari, ritenzione idrica, insonnia e disturbi del sistema nervoso.

MigraBasics è inoltre ricco di Selenio e Zinco.

Il Selenio contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo e alla normale spermatogenesi. Lo Zinco, oligoelemento essenziale, contribuisce al mantenimento di normali livelli di testosterone nel sangue, alla normale fertilità e alla normale riproduzione.


MODALITÀ D’USO: Si consiglia l’assunzione di 1-2 capsule al giorno.

AVVERTENZE: Gli integratori non vanno intesi come sostituto di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere lontano dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni.

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE: Conservare il prodotto in luogo fresco (< 25°) ed asciutto lontano da fonti di calore e di luce.
La data di scadenza si riferisce al prodotto correttamente conservato e in confezione integra.

PARTENIO

ESTRATTO DI SALIX ALBA

DOLORI LOCALIZZATI

EMICRANIA

MIGRAELEMENTS: Partenio, Salice e Rame
È un integratore alimentare di Partenio, Salice e Rame utili per la funzionalità articolare e il contrasto di stati di tensione localizzati.
Un valido supporto naturale per alleviare i disturbi causati dall'emicrania.
1 Confezione da 60 compresse

COSA CONTIENE MIGRAELEMENTS?
MigraElements un'esclusiva formulazione a base di PARTENIO
(Tanacetum parthenium) utile per contrastare stati di tensione localizzati. Nella fitoterapia moderna il Partenio è utilizzato come antidolorifico e antinfiammatorio naturale ed ha un impiego di eccellenza nei confronti dell’emicrania. Il Partenio è dotato inoltre di proprietà antiaggreganti piastriniche, antiemicraniche e spasmolitiche.
Il SALICE (Salix alba) noto in medicina per l’acido salicilico contenuto nella corteccia è un composto ad attività antifebbrile da cui deriva il più diffuso acido acetilsalicilico.
Il fitocomplesso utilizzato è derivato da una fonte di alta qualità ricca di elementi biologicamente attivi (flavonoidi e di glucosidi salicilici).
L’estratto di Salice è indicato nel trattamento di condizioni in infiammatorie e dolorose, anche di tipo reumatico, a carico di muscoli e articolazioni (artriti, fibromialgie, strappi muscolari ecc.).

QUANDO e PERCHÈ ASSUMERE MIGRAELEMENTS?
MigraElements è una formulazione naturale i cui estratti fitoterapici sono indicati in caso di:
• emicrania;
• ansia e stress;
• cefalea muscolo tensiva;
• dolori muscolo-tensivi;
• infiammazioni localizzate;
MigraElements è un prodotto naturalmente senza glutine e naturalmente privo di lattosio.

Dosaggio:
Si consiglia l’assunzione di 1-2 compresse al giorno.

PERCHÈ MIGRAELEMENTS?

La formula di MigraElements è frutto di oltre 10 anni di esperienza dell'esperto medico tedesco Dr. med. Ulrich Selz.
Bio-Clock effettua un'accurata selezione delle materie prime.
In nutraceutica la cura e la selezione del principio attivo influisce direttamente sulla bontà e sull'effetto benefico del prodotto.
Gli ingredienti utilizzati in MigraBasics sono certificati e tracciati, ogni lotto viene singolarmente ispezionato e verificato al fine di assicurare l'effetto benefico degli ingredienti.

Contenuti medi per 1 compressa

Partenio e.s. 300 mg
Salice e.s. 300 mg
di cui salicina 90 mg
Rame 1 mg
Valori nutritivi di riferimento (Reg. UE 1169/2011)

AVVERTENZE:
non superare le dosi giornaliere consigliate. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata ed un sano stile di vita. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età. Se ne sconsiglia l’uso per bambini e adolescenti. Se ne sconsiglia l'uso alle persone sensibili ad uno o più ingredienti presenti nel prodotto.

Responsive image

L’emicrania è più comunemente nota come mal di testa, è il disturbo neurologico più diffuso in Europa e negli Stati Uniti, tuttavia è importante chiarire che esistono diverse tipologie di emicrania. Cefalee primarie come l’emicrania cioè la cui causa non è causata da altre patologie e cefalee di tipo secondario, spesso innescate da una patologia primaria scatenante, e cefalee a grappolo.

Il trattamento di questo disturbo, così come per altre patologie simili, inizia dalla PREVENZIONE

  • perseguire uno stile di vita sano
  • un’alimentazione equilibrata, bilanciata e corretta
  • eliminare o ridurre il più possibile i fattori di rischio (consumo di alcolici, alcool, dormire poco)


riduce le possibilità che si presenti un attacco.

Per capire l’origine e la tipologia di emicrania è necessario che la persona sia disposta ad ascoltarsi e valutare la sintomatologia e la frequenza del mal di testa.
È fondamentale poter analizzare la tipologia d’insorgenza del dolore (immediato, crescente o acuto), la frequenza degli attacchi, le aree colpite dal dolore; il comune mal di testa tende a colpire l’intera area della testa o la fronte mentre l’attacco di emicrania propriamente detto colpisce un’emiparte della testa e normalmente è accompagnato da un dolore pulsante. Le persone che soffrono abitualmente di emicrania la descrivono come una forma debilitante al punto che risulta impossibile condurre la normale vita di tutti i giorni.

La medicina tradizionale ha individuato e classificato 23 tipologie di emicrania nella classificazione internazionale dei disturbi di mal di testa. L'emicrania appartiene alla categoria superiore del mal di testa primario.

Emicrania? Non è un semplice mal di testa!

"
Un dolore circolare, pulsante, muscolo-tensivo, pressante, con aurea, senza aurea..."

Sintomi che per quanto specifici non chiariscono le cause dell'emicrania.
Per capire l’origine e la tipologia di emicrania è necessario che la persona sia disposta ad ascoltarsi e valutare soggettivamente la frequenza, la localizzazione e l'insorgenza del mal di testa.

È fondamentale poter analizzare la tipologia d’insorgenza del dolore (immediato, crescente o acuto), la frequenza degli attacchi, le aree colpite dal dolore; il comune mal di testa tende a colpire l’intera area della testa o la fronte mentre l’attacco di emicrania propriamente detto colpisce un’emi-parte della testa e normalmente è accompagnato da un dolore pulsante.

Le persone che soffrono abitualmente di emicrania la descrivono come una forma debilitante al punto che risulta impossibile condurre la normale vita di tutti i giorni.

Abbiamo individuato 8 categorie di cause-scatenanti.

Gli otto tipi di emicrania fanno parte di una metodologia che consente di classificare le più comuni relazioni di causa-effetto che scatenano l'emicrania. La maggior parte delle persone che soffrono di emicrania in molti casi non hanno mai valutato seriamente la possibilità di indagare il proprio disturbo con una nuova prospettiva

Gli otto tipi di emicrania
Gli otto tipi di emicrania fanno parte di una metodologia che consente di classificare le più comuni relazioni di causa-effetto che scatenano l'emicrania.
La maggior parte delle persone che soffrono di emicrania in molti casi non hanno mai valutato seriamente la possibilità di indagare il proprio disturbo con una nuova prospettiva.

Gli OTTO TIPI DI EMICRANIA sono quindi una classificazione aggiuntiva delle categorie diagnostiche utili anche stimolo e un aiuto per pazienti e terapeuti che vogliono indagare le emicranie da una nuova prospettiva.

Di seguito gli OTTO TIPI DI EMICRANIA classificati in base all’origine/causa scatenante:

1) Il tipo INTESTINALE

Il processo digestivo è un processo molto complesso con diverse interdipendenze sulle funzionalità organiche dell’organismo.
È possibile che mal di testa e dolori cervicali abbiano origine nell’intestino, e che quindi sia possibile sostenere l’organismo con una particolare attenzione a tutti quei fattori che influenzano l’attività intestinale. Intestino, il secondo cervello: durante la digestione infatti la flora microbica rilascia una serie di sostanze utilizzate a livello del tessuto cerebrale: neurotrasmettitori fondamentali come serotonina ed istamina.
Lo studio analitico di valori ematici e biologici nei pazienti che soffrono di emicrania è di fondamentale importanza: infatti recenti studi hanno dimostrato che bassi livelli di serotonina cerebrale sono fortemente associati all’emicrania, ed è per questo che spesso vengono prescritti farmaci che rientrano nella categoria dei triptani.
I triptani sono molecole molto simili alla serotonina, quindi la loro assunzione riproduce nel cervello una condizione ottimale, riducendo l’infiammazione e quindi il dolore: purtroppo si tratta di farmaci con pesanti effetti collaterali in caso di utilizzo nel medio-lungo termine. È ugual modo importante l’istamina, in quanto pazienti con mal di testa presentano una più elevata concentrazione di questa sostanza. La connessione tra emicrania ed attività intestinale: le due molecole appena citate, sono ricavate dalla digestione del cibo a livello intestinale, grazie all’azione digerente della flora microbica. Se il tuo intestino non funziona bene, è probabile che la tua flora microbica non abbia una composizione adeguata; comporta un’ alto rischio di una diretta alterazione nella produzione di serotonina ed istamina che possono essere tra le cause scatenanti di un attacco di emicrania.

2) Il tipo ORMONALE

Questa categoria riguarda in particolare il sesso femminile.
Le donne che soffrono di emicrania normalmente riscontrano attacchi di emicrania nei giorni immediatamente prima la comparsa del ciclo mestruale, durante la settimana del ciclo e per i 2/3 giorni successivi al termine delle mestruazioni.
I cambiamenti ormonali sono evidente fattore scatenante dell'emicrania e le mestruazioni portano regolari fluttuazioni ormonali.
Anche se è molto evidente la connessione tra la crisi d’emicrania e l’insorgenza del ciclo mestruale, l’effetto degli squilibri ormonali và indagato nel profondo.
Spesso per individuare e determinare tali squilibri è necessario eseguire esami ematici specifici per valutare la situazione soggettiva e valutare col medico specialista l’eventuale necessità di bilanciamento. Una valido supporto naturale per la donna in pre-menopausa o menopausa può essere una specifica miscela di ormoni bio-identici.

3) Il tipo EPATICO

Una delle funzioni principali del fegato è quella di purificare il sangue dalle tossine. Ogni giorno il fegato di un uomo in età adulta viene attraversato da circa 2000 litri di sangue. Un’elevata concentrazione di metalli pesanti e/o tossine di vario genere nel sangue possono provocare nel medio-lungo periodo un forte stress sul fegato fino a provocarne una riduzione di funzione con conseguente danno alla relativa funzione endocrina ed esocrina.
Questo potrebbe ripercuotersi direttamente e indirettamente anche sugli altri organi implicati nella regolazione vascolare. Un’ accumulo di metalli pesanti quindi può essere responsabile di un deficit nei meccanismi spontanei di detossificazione messi atto dal corpo umano con il rischio di generare problemi di salute tra cui le emicranie I metalli pesanti svolgono un ruolo speciale nell'emicrania. Il loro accumulo nel corpo blocca i meccanismi naturali di detossificazione, che possono portare a gravi problemi di salute - tra cui emicranie.

4) Il tipo (IPO)GLICEMICO

Lo zucchero, di cui l’industria alimentare induce spesso un consumo eccessivo ed un abuso influisce direttamente sul livello glicemico. È fondamentale mantenere un livello equilibrato della concentrazione di glucosio nel sangue. Il glucosio è il nutriente essenziale per tutte le cellule che lo prelevano direttamente dal È evidente che le persone che assumono carboidrati più volte al giorno sono comunque ipoglicemizzanti. Anche in questo caso un’approccio interdisciplinare è basilare: sport, dieta e uno stile di vita sano sono comunque la base fondamentale per un percorso di salute consapevole.

5) Il tipo ISTAMINICO

Questo tipo di emicrania è molto comune ed è scatenato dall’alta presenza di istamina e tiramina. L’istamina è un composto azotato coinvolto nei meccanismi digestivi, in particolare si origina per decarbossilazione dell’aminoacido L-istidina, attraverso una reazione catalizzata dell’enzima istinina decarbossilasi. In questo caso l’attacco di emicrania è un’immediata conseguenza della nutrizione. L’istamina è infatti molto utilizzata nell’industria alimentare al fine di prolungare la conservazione del cibo nel tempo. In generale, c’è poca informazione riguardo agli effetti dell’istamina infatti la maggior parte della popolazione europea ritiene l’istamina unicamente responsabile delle reazioni allergiche stagionali.

6) Il tipo da STRESS

È noto che c’è un rapporto diretto tra lo stress ed il mal di testa: è un dolore costante, quasi come un elastico (o muscolo tensivo) che preme s Da tempo si sa che l'emicrania e lo stress inevitabilmente appartengono insieme. Molti pazienti subiscono un attacco durante un periodo stressante. Altri li ottengono nella fase di recupero; tipicamente nei fine settimana. Ma cos'è lo stress? Come puoi misurarlo? Come lo gestisci? Come puoi ridurlo? Ora è possibile misurare lo stress con test di laboratorio. È stato dimostrato che le terapie per ridurre lo stress hanno un effetto positivo sull'emicrania. Ma vale la pena fare un passo avanti e non solo affrontare la risposta allo stress in campo mentale, ma anche ridurlo a livello fisico. Per questo è possibile utilizzare alcuni supplementi.

7) Il tipo CISTIFELLEA

Nella TCM, l'area più comune del dolore emicranico è la testa del meridiano della cistifellea. La cistifellea svolge un ruolo speciale nell'emicrania. L'ispessimento della secrezione della cistifellea può portare al blocco della bile. Questo provoca dolore alla testa perché la cistifellea mantiene connessioni nervose e fasciali alla testa. Un concetto nutrizionale adattato e una terapia aggiuntiva del sistema ormonale ti danno la possibilità di trattare la causa dei disturbi della colecisti.

8) Il tipo METABOLICO

Se diverse debolezze fisiche lavorano insieme, può portare a disturbi metabolici. Ciò complica la situazione sanitaria del paziente, perché la ricerca della prima causa è resa più difficile. La somma delle interruzioni metaboliche può innescare violenti attacchi di emicrania. La correzione di queste condizioni è medicalmente impegnativa e richiede più tempo rispetto agli altri tipi di emicrania.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

1. Silberstein SD, Lipton RB, Dalessio DJ. Overview, diagnosis and classification of headache. In: Silberstein SD, Lipton RB, Dalessio DJ, editors. Wolff's headache and other head pain. 7th ed. New York: Oxford University Press, 2001: 6-26

2. Goadsby PJ, Lipton RB, Ferrari MD. Migraine – current understanding and treatment. N Engl J Med 2002; 346 (4): 257-70

3. Lipton RB, Diamond S, Reed M, et al. Migraine diagnosis and treatment: results from the American Migraine Study: II. Headache 2001; 41 (7): 638-45

4. Ferrari MD, Goadsby PJ, Roon KI, et al. Triptans (serotonin, 5-HT1B/1D agonists) in migraine: detailed results and methods of a meta-analysis of 53 trials. Cephalalgia 2002; 22 (8): 633-58

5. Pietrobon D, Striessnig J. Neurobiology of migraine. Nat Rev Neurosci 2003; 4 (5): 386-98

6. Waeber C, Moskowitz MA. Therapeutic implications of central and peripheral neurologic mechanisms in migraine. Neurology 2003; 61 (8 Suppl. 4): S9-S20

7. Goadsby PJ. Can we develop neurally acting drugs for the treatment of migraine? Nat Rev Drug Discov 2005; 4 (9): 741

8. Welch KM. Contemporary concepts of migraine pathogenesis. Neurology 2003; 61 (8 Suppl. 4): S2-8

9. Silberstein SD, Goadsby PJ. Migraine: preventive treatment. Cephalalgia 2002; 22 (7): 491-512

10. Pittler MH, Ernst E. Feverfew for preventing migraine. Cochrane Database Syst Rev 2004; (1): CD002286; 1-10

11. Barsby RW, Salan U, Knight DW, et al. Feverfew and vascular smooth muscle: extracts from fresh and dried plants show opposing pharmacological profiles, dependent upon sesquiterpene lactone content. Planta Med 1993; 59 (1): 20-5

12. Mittra S, Datta A, Singh SK, et al. 5-Hydroxytryptamine-inhibiting property of feverfew: role of parthenolide content. Acta Pharmacol Sin 2000; 21 (12): 1106-14

13. Weber JT, O'Connor MF, Hayataka K, et al. Activity of parthenolide at 5HT2A receptors. J Nat Prod 1997; 60 (6): 651-3

14. Shrivastava R, John GW. Ligand binding study of the interaction of Tanacetum parthenium and Salix alba with 5-HT receptors associated with headache. 2006 (Submitted for publication)

15. Headache Classification Committee of the International Headache Society. ICHD-II. Cephalalgia 2004; 24 Suppl. 1: 1-160

16. Murphy JJ, Heptinstall S, Mitchell JR. Randomised double-blind placebo-controlled trial of feverfew in migraine prevention. Lancet 1988; II (8604): 189-92

17. Diener HC, Pfaffenrath V, Schnitker J, et al. Efficacy and safety of 6.25mg t.i.d. feverfew CO2-extract (MIG-99) in migraine prevention: a randomized, double-blind, multicentre, placebo-controlled study. Cephalalgia 2005; 25 (11): 1031-41

18. Johnson ES, Kadam NP, Hylands DM, et al. Efficacy of feverfew as prophylactic treatment of migraine. BMJ 1985; 291 (6495): 569-73

19. De Weerdt CJ, Bootsma HPR, Hendricks H. Herbal medicines in migraine prevention: randomized double-blind placebo-controlled crossover trial of a feverfew preparation. Phytomedicine 1996; 3: 225-30

20. Pfaffenrath V, Diener HC, Fischer M, et al. The efficacy and safety of Tanacetum parthenium (feverfew) in migraine prophylaxis: a double-blind, multicentre, randomized placebo-controlled dose-response study. Cephalalgia 2002; 22 (7): 523-32

21. Diener HC. Placebo and headache [abstract]. Cephalalgia 2005; 25: 841

22. Palevitch D, Earon G, Carasso R. Feverfew (Tanacetum parthenium) as a prophylactic treatment for migraine: a double-blind placebo-controlled study. Phytother Res 1997; 11: 508-11

23. Khayyal MT, El-Ghazaly MA, Abdallah DM, et al. Mechanisms involved in the anti-inflammatory effect of a standardized willow bark extract. Arzneimittel Forschung 2005; 55 (11): 677-87

24. Groenewegen WA, Heptinstall S. A comparison of the effects of an extract of feverfew and parthenolide, a component of feverfew, on human platelet activity in-vitro. J Pharm Pharmacol 1990; 42 (8): 553-7

25. Reuter U, Chiarugi A, Bolay H, et al. Nuclear factor-kappaB as a molecular target for migraine therapy. Ann Neurol 2002; 51 (4): 507-16

26. Kwok BH, Koh B, Ndubuisi MI, et al. The anti-inflammatory natural product parthenolide from the medicinal herb feverfew directly binds to and inhibits IkappaB kinase. Chem Biol 2001; 8 (8): 759-66

27. Tassorelli C, Greco R, Morazzoni P, et al. Parthenolide is the component of Tanacetum parthenium that inhibits nitroglycerin-induced Fos activation: studies in an animal model of migraine. Cephalalgia 2005; 25 (8): 612-21

28. Burstein R, Collins B, Jakubowski M. Defeating migraine pain with triptans: a race against the development of cutaneous allodynia. Ann Neurol 2004; 55 (1): 19-26

29. Tfelt-Hansen P, Block G, Dahlof C, et al. Guidelines for controlled trials of drugs in migraine, 2nd ed. Cephalalgia 2000; 20 (9): 765-86

Melatonina Dr. Pierpaoli

La Melatonina Zinco-Selenio Pierpaoli è un integratore alimentare di Melatonina, Zinco e Selenio. Questa formulazione è nata da osservazioni scientifiche fondamentali emerse e maturate durante 40 anni di ricerche e studi clinici sulla Melatonina, la Ghiandola Pineale e i meccanismi dell’invecchiamento condotti dal Professor Walter Pierpaoli e dal suo team di ricercatori.

La Melatonina Zinco-Selenio Pierpaoli è stata sviluppata sulla base di studi clinici con l’intento di ottenere un picco di rilascio di Melatonina durante la notte in grado di sostenere il ristabilimento del picco melatonico notturno (P.M.N.) ed è stata formulata per supportare il fabbisogno delle funzioni fisiologiche dell’organismo.

A COSA SERVE LA MELATONINA PIERPAOLI?

La Melatonina Zinco-Selenio Pierpaoli non crea dipendenza o assuefazione. Interrompendo la somministrazione di Melatonina esogena, la Ghiandola Pineale ricomincerà a sintetizzare la molecola endogena in quantità fisiologiche.

Melatonina Zn-Se Dr.Pierpaoli:
● La Melatonina contribuisce alla riduzione del tempo richiesto per prendere sonno; l’effetto benefico si ottiene assumendo 1 mg di Melatonina poco prima di andare a dormire.
● La Melatonina contribuisce ad alleviare gli effetti del jet lag.
● Lo Zinco contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo e alla normale funzione del sistema immunitario.

Il Selenio contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo. La Ghiandola Pineale determina:
● L'equilibrio delle funzioni ormonali, metaboliche ed immunitarie
● Il mantenimento delle condizioni metaboliche giovanili
● La sincronizzazione dei cicli fisiologici dell’organismo

La melatonina NON è un ormone

Gli ormoni, come tutte le molecole presenti nell’organismo umano seguono fedelmente la ciclicità diurna e notturna (ritmi circadiani), i cicli stagionali specialmente luce e temperatura ed i cicli solari e lunari.

Questa ciclicità BIO-LOGICA è il fondamento della VITA e quindi della SALUTE.

L’invecchiamento è chiaramente un semplice processo evolutivo, un programma come la crescita e la fertilità, strettamente connesso al patrimonio genetico della specie e dell’individuo che si esplica inizialmente come mantenimento per concludersi con il progressivo decadimento dei cicli ormonali.

L’invecchiamento è infatti dovuto anche alla perdita di sincronia tra i ritmi circadiani/stagionali e quelli ormonali.

Una relazione, questa, che viene regolata dalle strutture del sistema nervoso facenti parte del circuito cerebrale ipotalamo-ipofisi-pineale, che integra e sincronizza i cicli notte-giorno della sintesi e secrezione di tutti gli ormoni.

L’invecchiamento dell’uomo è dunque legato certamente a un programma genetico, ma l’espressione di tale programma è proprio la periodicità circadiana del sistema ormonale.

A loro volta i cicli e ritmi ormonali del giorno e della notte sono sotto stretto controllo degli impulsi della ghiandola pineale, che integra e rispedisce i messaggi alle ghiandole endocrine.

QUANDO e PERCHÈ ASSUMERE MELATONINA PIERPAOLI ?
La Melatonina è una molecola naturale secreta, oltre che nella ghiandola pineale, anche in numerosi altri organi e tessuti ed è presente anche in moltissimi vegetali di uso alimentare. La Melatonina svolge un ruolo importante nella regolazione dei cicli circadiani e ritmi sonno-veglia , è un potente antiossidante, ha delle funzioni cronobiologiche e di conseguenza è implicata in diverse attività fisiologiche. La Melatonina si è dimostrata efficace soprattutto per contribuire a ripristinare i naturali ritmi biologici dell'organismo; l’integrazione con Melatonina può aiutare in determinati casi di disturbi del ritmo circadiano e di disturbi del sonno e può contribuire al ripristino dell’allineamento cronobiologico del sonno con l’orologio biologico interno. In tutte le condizioni nelle quali si desideri mantenere i livelli di Melatonina e compensare una sua effettiva carenza, sostenendo in tal modo l’equilibrio e la sincronizzazione dei ritmi circadiani fisiologici. Ricerche dimostrano che numerosi fattori di interferenza esterni (come ad es. l’esposizione alla luce durante la notte) sopprimono la produzione endogena della Melatonina, coinvolta nel mantenimento del normale funzionamento di molteplici funzioni ormonali, metaboliche ed immunitarie. Il moderno stile di vita (esposizione serale e notturna alla luce artificiale e delle apparecchiature elettroniche, ritmi circadiani sregolati e alterati, stress, alimentazione non bilanciata, consumo di caffè e alcol, ecc...) provoca una riduzione del livello di Melatonina e può comportare il rischio di uno squilibrio del sistema neuroendocrino ed il conseguente indebolimento del sistema immunitario. Inoltre minore sarà la quantità di Melatonina presente nel corpo, più alterati saranno i nostri ritmi circadiani. Per questo motivo è fondamentale mantenere i livelli di Melatonina in equilibrio e l’integrazione di corretta formulazione di Melatonina può essere di grande beneficio.

QUANTE COMPRESSE ASSUMERE 1,10,100,1000?
In caso di integrazione la quantità di Melatonina Zn-Se Pierpaoli è sufficiente 1 compressa la sera mezz'ora prima di coricarsi indicativamente tra le 22:00 e le 24:00 (ma entro la mezzanotte).
In linea generale: 1 compressa la sera mezz'ora prima di coricarsi senza interruzioni. Non ha importanza quando si va a dormire. Non ha importanza se si lavora di notte. Non ha importanza se si esce la sera. Non ha importanza se si cambia fuso orario.

"Sulla base di 50 anni di ricerche e sperimentazioni pubblicate sulle più prestigiose riviste scientifiche internazionali, ho elaborato una formulazione di Melatonina associata allo Zinco e al Selenio che svolge azione per il ristabilimento del messaggio giovanile del picco melatonico notturno prodotto dalla ghiandola pineale giovane. Tale formulazione all’interno del mio protocollo medico può essere utile alla regolazione della sincronizzazione dell'orologio biologico interno, la cui assunzione favorisce il mantenimento e la protezione dell’integrità funzionale della ghiandola Pineale, coadiuvando la sincronizzazione dell'intero sistema dei ritmi biologici ed ormonali, con il risultato di sostenere il recupero e la conservazione delle condizioni giovanili dell’organismo" Walter Pierpaoli

MLT01 + MGE01 + MGB01

Scheda dati

Tipologia
Melatonina ZN+SE
Offerte
Multipack

Registrati

Nuovo account

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password