Domande e RisposteCategoria: MelatoninaMelatonina e reflusso
Lorenzo1969 ha scritto 2 anni fa

Buongiorno…mi chiamo Lorenzo impiegato 48 anni pratico regolare attività sportiva (nuoto 4 volte a settimana). Sono venuto a conoscenza del fatto, avendo letto studi in materia, che questa molecola puo aiutare contro la malattia da reflusso gastroesofageo. Volevo sapere se erano studi attendibili quelli che ho letto e a quale dosaggio secondo voi puo essere assunta.
Chiedevo inoltre se la melatonina ha effettivi positivi sull’ ipertensione avendo letto su internet tutte le tesi più disparate (es. controindicata negli ipertesi e diabetici).
Cordialmente Lorenzo

Lorenzo1969 ha risposto 2 anni fa

Buongiorno. In merito alla domanda in oggetto posta sul blog vi chiederei alcune delucidazioni.
1) sono 3 mesi che assumo melatonina comprata in farmacia. Viene citata come melatonina pura ma mi sembra di aver capito dalle vostre letture che la melatonina così assunta non dia particolari benefici perché pare abbia bisogno di veicolanti

2) se la melatonina da 1mg secondo voi può avere effetti positivi sul tratto gastroenterico perché non viene prescritta dai gastroenterologi, i quali invece ci bombardano di antiacidi?

Grazie e cordiali saluti

2 Risposte
Staff Staff ha risposto 2 anni fa

Quello a cui lei si riferisce pensiamo sia la possibile azione e  i relativi meccanismi  chiamati autocrini o paracrini  che si svolgono nel nostro corpo  . In specifico si considera che una determinata  molecola possa influenzare tramite questi meccanismi autocrini o paracrini   le cellule circostanti nella loro funzione.
In questo caso la melatonina esogena ( presa da fuori ) si  considera  possa svolgere  un azione di riparazione sul tratto interessato  in quanto il sistema gastrointestinale ha una produzione di melatonina locale che influenza l’attività dei vari tratti del sistema digerente , ma probabilmente nei casi di insistito  problema di reflusso sia ampiamente carente .
Riportando adeguati livelli di melatonina  si recupera la corretta fisiologia in quanto questa promuove il messaggio originale riducendo  e regolando la secrezione gastrica
Non abbiamo una specifica conoscenza ma questo tipo di messaggio intra cellulare è sicuramente un meccanismo evolutivo insito nel DNA cellulare di ogni tessuto e  la melatonina riporta le competenze del caso.
Ipotizziamo che la presenza di livelli  consoni di melatonina  e dei relativi “segnali” in questo tratto ,siano in grado di moderare questa secrezione, ma  di più ci convince che questa situazione venga migliorata per l’azione di regolazione del tono della muscolatura che influisce e determina la funzione della valvola del cardias . Se il cardias lavora bene , chiude e questo impedisce la risalita del succo gastrico a livello esofageo.
Pensiamo che su questo meccanismo sia influente anche il lavoro sul sistema neuro-endocrino che la molecola melatonina ricopre come compito principale evolutivo gestito dalla rete pinealica.
Naturalmente ampiamente dimostrato  da anni di applicazione che il PIcco Melatonico Notturno garantito dalla Melatonina Zinco Selenio, permettendo di recuperare la  corretta sequenza ormonale influisce sui livelli pressori , tende a normalizzare la pressione e la capacità cardiaca nel suo insieme oltre come detto ad agire sull’informazione in loco del sistema gastrointestinale .
CI appassiona come argomento in quanto ci riporta a  vari casi visti in tanti anni in cui l’influenza della molecola melatonina  sul secondo cervello , ovvero la pancia , è nettamente evidente.
Se percepisce l’utilità di assumere la Melatonina Zinco Selenio , una compressa  prima di coricarsi entro la mezzanotte con orari costanti  è una scelta corretta  e se disponibile lasci lavorare la molecola almeno 21-28 giorni per vedere quali miglioramenti può apportare.
A disposizione per eventuali approfondimenti : info@bioclock.it
 
 
 

Lorenzo1969 ha risposto 2 anni fa

Buongiorno. In merito alla domanda in oggetto posta sul blog vi chiederei alcune delucidazioni.
1) sono 3 mesi che assumo melatonina comprata in farmacia. Viene citata come melatonina pura ma mi sembra di aver capito dalle vostre letture che la melatonina così assunta non dia particolari benefici perché pare abbia bisogno di veicolanti

2) se la melatonina da 1mg secondo voi può avere effetti positivi sul tratto gastroenterico perché non viene prescritta dai gastroenterologi, i quali invece ci bombardano di antiacidi?

Grazie e cordiali saluti

Staff Staff ha risposto 2 anni fa

La melatonina non necessità di nessun veicolante e la “storia” dei veicolanti è stata diffusa da un altro sito che propone una melatonina  copiando tutte le argomentazioni della ricerca del Professor Pierpaoli  e che ha la pretesa di essere vegetale e  appunto dice la melatonina ha bisogni di veicolanti ,  mentre è  dimostrato che è l’esatto opposto.

C è uno studio in cui sono stati sottoposti degli anziani all’assunzione di melatonina e dalle analisi ematiche fatte prima di tale sperimentazione c’erano dei livelli di alcuni elementi che dopo la sperimentazione erano invece comparsi nettamente più alti. Questo riferimento in merito soprattutto allo zinco e al selenio .

Il farmacista lavora sulla melatonina come materia e la comprime in compresse con dello stearato di magnesio per tenere insieme la compressa e il suo lavoro si ferma li con poche conoscenze relative  all’ interazione che la molecola subisce nel momento della sua assunzione e quale processo subisce per essere metabolizzata ed  entrare nel circolo ematico dove produce il suo effetto che non è ponderale ,ma è un picco ematico frutto di un processo  evolutivo necessario alla vita.

La Melatonina Zinco Selenio è frutto di studio e sperimentazione sulla ghiandola pineale e di come la ghiandola produce e secerne questa molecola.

Il lavoro del professore è stato quello di imitare in modo più simile possibile l,a scansione di essa nel processo di formazione del picco melatonico notturno a livello del nostro organismo.

E’ uno dei rari integratori che ha subito un  trial di sperimentazione  simile ai farmaci che poi vengono brevettati .

Se i gastroenterologi non prescrivono melatonina è perché ci sono ampie  sacche di ricerca che vengono fatte ma non portate a conoscenza degli operatori , in quanto non rivestono un interesse o meglio ,  non hanno un interesse economico valido a sostenere tale operazione. Questa non è la VERITA’ assoluta ma la nostra impressione che genera questa opinione.

Dare gli antiacidi è facile e corrisponde a dare uno straccio ogni volta uguale o diverso per asciugare il pavimento zeppo di acqua, ma non c è nessuno che si preoccupa di chiudere o almeno modulare il rubinetto dove esce l’acqua.

 Buona giornata bioclock