Domande e RisposteCategoria: MelatoninaMelatonina e Parkinson
Giacomo ha scritto 4 anni fa

Buonasera, ho una zia alla quale due anni fa è stato diagnosticato il Parkinson. Attualmente è in cura con due compresse di Madopar 100/25 al dì e un cerotto Neupro da 8mg. Vorrei sapere se l’assunzione della melatonina Pierpaoli può esserle di aiuto.
Grazie
Giacomo
 

1 Risposte
Moderatore Bio-Clock Staff ha risposto 4 anni fa

Certamente pronunciarsi su una patologia cosi esasperata da tutta la comunità scientifica è molto delicato ; dopo tanti anni di ricerca e di  studi i risultati fin qui ottenuti sono marginali in termini di benefici quindi noi ci limitiamo a segnalare ciò che il Professor Pierpaoli espone nei suoi libri e nelle sue conferenze . Il Morbo di Parkinson risulta essere secondo lui una tipica malattia degenerativa, conseguenza di una grande alterazione del sistema immunitario e del sistema vascolare cerebrale. Siccome il sistema immunitario  è sorretto dal sistema ormonale e quest’ultimo è sotto controllo della reta ipotalamo-ipofisi- epifisi o ghiandola pineale, cercare di restaurare o di almeno mantenere nel piu’ completo equilibrio questo complesso sistema funzionale sicuramente vale la pena di somministrare  la Melatonina Zn-Se a quei pazienti affetti da questo disordine centrale come pure per alzheimer e altre patologie degenerative , al fine di alleviare il disordine e rallentare gli effetti devastanti. Non ci permettiamo di promettere miracoli, ma come dimostrato  anche da vari studi comparativi si è potuto verificare  che somministrando melatonina insieme alle cure tradizionali ,ai pazienti di queste gravi patologie si hanno avuto benefici superiori rispetto a gruppi di pazienti in cui si sono continuati i tipici protocolli internazionali. Discorso diverso riguarda la possibile ed intressantissima azione preventiva che la Melatonina Zn-Se è in grado di garantire o di sicuramente aumentare , tramite il controllo della rete pinealica e quindi del sistema neuro-endocrino.