le malattie autoimmuni

Domande e Rispostele malattie autoimmuni
angelo soldo asked 5 anni ago

Salve.
Vorrei iniziare ad usare la melatonina zn-se ma non so se va bene per le malattie autoimmuni di cui sono interessato(malattia reumatica).
Inoltre ho una figlia con tiroide autoimmune e un figlio con una microcitemia.
Mi potete dire qualcosa in merito all’utilizzo della melatonina per le patologie in questione?
Grazie
 

1 Risposte
Moderatore Bio-Clock answered 5 anni ago

Il concetto di malattia autoimmune spaventa spesso le persone che ne soffrono , perchè  vengono associate  al concetto di malattie incurabili o per lo meno mettono le persone che  hanno questa “etichetta”di sentirsi  quasi abbandonate a se stesse e inoltre altrettanto vengono demonizzate talune molecole , come per esempio la melatonina senza nessun riferimento specifico. A questi pazienti la medicina classica fornisce immunosoppressori e antiinfiammatori ma con scarsi rislutati . Questo crea un circolo vizioso in cui il paziente si sente chiuso e privo di speranza  e ancor di più gli viene detto di stare attento a questa o a quella sostanza come ad esempio la melatonina.  La ricerca del Professor Pierpaoli ha evidenziato che la melatonina e sopratutto la ghaindola pineale che produce questa fantastica molecola endogena ha un ruolo fondamentale nell’immunità dei mammiferi a sangue caldo come è l’uomo. Infatti questo trasmettitore che la pineale produce di notte interviene  nella regolazione ormonale a cui fanno capo le indispensabili funzioni biologiche tra cui appunto il sistema immunitario . Il reticolo pinealico controlla la ciclità ormonale e attaverso questo controllo determina la corretta immunità . Le persone che soffrono di malattie autoimmuni hanno questa funzione  ciclica alterata e quindi assistiamo a queste situazioni degenerative . Un altro aspetto fondamentale da sottolineare è che l’azione della melatonina è determinante per l’attività del midollo osseo e quindi nei casi di patologie del sistema ematico la melatonina risulta un potente stimolatore di esso e quindi per chi soffre di piastinopenia , di omicrocitemia o altre alterazioni a carico del sangue , assistiamo a una regolazione sorprendente. Queste considerazioni sono ancora piu’ rilevanti nel caso di patologie alla tiroide e soprattutto per la regolazione degli antigeni e meglio ancora della funzione stessa della ghiandola tiroidea , strettamente influenzata dalla ghiandola pineale. Di per sè la melatonina ha un supporto eccezzionale per la scomposizione del T4 in T3 e  la ricerca del Professor Pierpaoli ha portato a nuove e incredibile scoperte riguardo il sistema neuro-endocrino,in particolare nel rapporto ipofisi , tiroide , ghiandola pineale.Potremmo proseguire ancora in considerazioni medico-scentifiche , ma ci limitiamo a proporvi di assumere per almeno un periodo di 6 mesi la Melatonina ZnSe Pierpaoli e verificare di persona che benefici potete avere sia nel caso di patologie del circolo ematico sia per la ghiandoal tiroide. Consigliamo un utilizzo costante e un assunzione prima della mezzanotte.
 
 
 
ssumendo Melatonina ZnSe