MigraElements: un supporto naturale contro l'emicrania

MigraElements: un supporto naturale contro l'emicrania

  • Solo online
  • Offerta
MigraElements: un supporto naturale contro l'emicrania a base di partenio e salice

MigraElements

Un supporto naturale contro l'emicrania ed i classici sintomi del mal di testa.
è un integratore alimentare di estratti di SALICE e PARTENIO utili per la funzionalità articolare.
Contiene anche Rame.
1 Confezione da 60 compresse 


Verifica costi e tempi di spedizione
Spese di spedizione
12,09 €
Tempi di consegna
Europa e U.S.A. East 24h - Altre nazioni 48h


32,50 € Risparmia 10,00 €
42,50 €
IVA inclusa
Quantità

MigraElements

Un supporto naturale contro l'emicrania ed i classici sintomi del mal di testa.
è un integratore alimentare di estratti di SALICE e PARTENIO utili per la funzionalità articolare.
Contiene anche Rame.
1 Confezione da 60 compresse 


Verifica costi e tempi di spedizione
Spese di spedizione
12,09 €
Tempi di consegna
Europa e U.S.A. East 24h - Altre nazioni 48h


MigraElements


INTEGRATORE ALIMENTARE di estratti di Salice e Partenio

MigraElements è un integratore alimentare di estratti di Salice e Partenio utili per la funzionalità articolare e il contrasto di stati di tensione localizzati. Un valido supporto naturale per alleviare i disturbi causati dall'emicrania.
Contiene anche Rame.

Cosa è?

MigraElements è un'integratore naturale utile in caso di emicrania e del dolore ad essa associato, grazie alla capacità di favorire il normale rilassamento psico-muscolare.

Cosa contiene?

È un'esclusiva formulazione a base di PARTENIO (Tanacetum parthenium) utile per contrastare stati di tensione localizzati. Nella fitoterapia moderna il Partenio è utilizzato come antidolorifico e antinfiammatorio naturale ed ha un impiego di eccellenza nei confronti dell’emicrania.
Il Partenio è dotato inoltre di proprietà antiaggreganti piastriniche, antiemicraniche e spasmolitiche.

Il Salice (Salix alba) noto in medicina per l’acido salicilico contenuto nella corteccia è un composto ad attività antifebbrile da cui deriva il più diffuso acido acetilsalicilico.
Il fitocomplesso utilizzato è derivato da una fonte di alta qualità ricca di elementi biologicamente attivi (flavonoidi e di glucosidi salicilici).
L’estratto di Salice è indicato nel trattamento di condizioni in infiammatorie e dolorose, anche di tipo reumatico, a carico di muscoli e articolazioni (artriti, fibromialgie, strappi muscolari ecc.).

Quando è indicato?

MigraElements è un prodotto indicato in caso di:

  • Cefalea tensiva
  • Mal di testa
  • Emicrania
  • Dolori muscolo-tensivi
  • Infiammazioni localizzate

MigraElements

MigraElements

L’emicrania è più comunemente nota come mal di testa, è il disturbo neurologico più diffuso in Europa e negli Stati Uniti, tuttavia è importante chiarire che esistono diverse tipologie di emicrania. Cefalee primarie come l’emicrania cioè la cui causa non è causata da altre patologie e cefalee di tipo secondario, spesso innescate da una patologia primaria scatenante, e cefalee a grappolo.

Il trattamento di questo disturbo, così come per altre patologie simili, inizia dalla PREVENZIONE

  • perseguire uno stile di vita sano
  • un’alimentazione equilibrata, bilanciata e corretta
  • eliminare o ridurre il più possibile i fattori di rischio (consumo di alcolici, alcool, dormire poco)


riduce le possibilità che si presenti un attacco.

Per capire l’origine e la tipologia di emicrania è necessario che la persona sia disposta ad ascoltarsi e valutare la sintomatologia e la frequenza del mal di testa.
È fondamentale poter analizzare la tipologia d’insorgenza del dolore (immediato, crescente o acuto), la frequenza degli attacchi, le aree colpite dal dolore; il comune mal di testa tende a colpire l’intera area della testa o la fronte mentre l’attacco di emicrania propriamente detto colpisce un’emiparte della testa e normalmente è accompagnato da un dolore pulsante. Le persone che soffrono abitualmente di emicrania la descrivono come una forma debilitante al punto che risulta impossibile condurre la normale vita di tutti i giorni.

La medicina tradizionale ha individuato e classificato 23 tipologie di emicrania nella classificazione internazionale dei disturbi di mal di testa. L'emicrania appartiene alla categoria superiore del mal di testa primario.

Emicrania? Non è un semplice mal di testa!

"
Un dolore circolare, pulsante, muscolo-tensivo, pressante, con aurea, senza aurea..."

Sintomi che per quanto specifici non chiariscono le cause dell'emicrania.
Per capire l’origine e la tipologia di emicrania è necessario che la persona sia disposta ad ascoltarsi e valutare soggettivamente la frequenza, la localizzazione e l'insorgenza del mal di testa.

È fondamentale poter analizzare la tipologia d’insorgenza del dolore (immediato, crescente o acuto), la frequenza degli attacchi, le aree colpite dal dolore; il comune mal di testa tende a colpire l’intera area della testa o la fronte mentre l’attacco di emicrania propriamente detto colpisce un’emi-parte della testa e normalmente è accompagnato da un dolore pulsante.

Le persone che soffrono abitualmente di emicrania la descrivono come una forma debilitante al punto che risulta impossibile condurre la normale vita di tutti i giorni.

Abbiamo individuato 8 categorie di cause-scatenanti.

Gli otto tipi di emicrania fanno parte di una metodologia che consente di classificare le più comuni relazioni di causa-effetto che scatenano l'emicrania. La maggior parte delle persone che soffrono di emicrania in molti casi non hanno mai valutato seriamente la possibilità di indagare il proprio disturbo con una nuova prospettiva

Gli otto tipi di emicrania
Gli otto tipi di emicrania fanno parte di una metodologia che consente di classificare le più comuni relazioni di causa-effetto che scatenano l'emicrania.
La maggior parte delle persone che soffrono di emicrania in molti casi non hanno mai valutato seriamente la possibilità di indagare il proprio disturbo con una nuova prospettiva.

Gli OTTO TIPI DI EMICRANIA sono quindi una classificazione aggiuntiva delle categorie diagnostiche utili anche stimolo e un aiuto per pazienti e terapeuti che vogliono indagare le emicranie da una nuova prospettiva.

Di seguito gli OTTO TIPI DI EMICRANIA classificati in base all’origine/causa scatenante:

1) Il tipo INTESTINALE

Il processo digestivo è un processo molto complesso con diverse interdipendenze sulle funzionalità organiche dell’organismo.
È possibile che mal di testa e dolori cervicali abbiano origine nell’intestino, e che quindi sia possibile sostenere l’organismo con una particolare attenzione a tutti quei fattori che influenzano l’attività intestinale. Intestino, il secondo cervello: durante la digestione infatti la flora microbica rilascia una serie di sostanze utilizzate a livello del tessuto cerebrale: neurotrasmettitori fondamentali come serotonina ed istamina.
Lo studio analitico di valori ematici e biologici nei pazienti che soffrono di emicrania è di fondamentale importanza: infatti recenti studi hanno dimostrato che bassi livelli di serotonina cerebrale sono fortemente associati all’emicrania, ed è per questo che spesso vengono prescritti farmaci che rientrano nella categoria dei triptani.
I triptani sono molecole molto simili alla serotonina, quindi la loro assunzione riproduce nel cervello una condizione ottimale, riducendo l’infiammazione e quindi il dolore: purtroppo si tratta di farmaci con pesanti effetti collaterali in caso di utilizzo nel medio-lungo termine. È ugual modo importante l’istamina, in quanto pazienti con mal di testa presentano una più elevata concentrazione di questa sostanza. La connessione tra emicrania ed attività intestinale: le due molecole appena citate, sono ricavate dalla digestione del cibo a livello intestinale, grazie all’azione digerente della flora microbica. Se il tuo intestino non funziona bene, è probabile che la tua flora microbica non abbia una composizione adeguata; comporta un’ alto rischio di una diretta alterazione nella produzione di serotonina ed istamina che possono essere tra le cause scatenanti di un attacco di emicrania.

2) Il tipo ORMONALE

Questa categoria riguarda in particolare il sesso femminile.
Le donne che soffrono di emicrania normalmente riscontrano attacchi di emicrania nei giorni immediatamente prima la comparsa del ciclo mestruale, durante la settimana del ciclo e per i 2/3 giorni successivi al termine delle mestruazioni.
I cambiamenti ormonali sono evidente fattore scatenante dell'emicrania e le mestruazioni portano regolari fluttuazioni ormonali.
Anche se è molto evidente la connessione tra la crisi d’emicrania e l’insorgenza del ciclo mestruale, l’effetto degli squilibri ormonali và indagato nel profondo.
Spesso per individuare e determinare tali squilibri è necessario eseguire esami ematici specifici per valutare la situazione soggettiva e valutare col medico specialista l’eventuale necessità di bilanciamento. Una valido supporto naturale per la donna in pre-menopausa o menopausa può essere una specifica miscela di ormoni bio-identici.

3) Il tipo EPATICO

Una delle funzioni principali del fegato è quella di purificare il sangue dalle tossine. Ogni giorno il fegato di un uomo in età adulta viene attraversato da circa 2000 litri di sangue. Un’elevata concentrazione di metalli pesanti e/o tossine di vario genere nel sangue possono provocare nel medio-lungo periodo un forte stress sul fegato fino a provocarne una riduzione di funzione con conseguente danno alla relativa funzione endocrina ed esocrina.
Questo potrebbe ripercuotersi direttamente e indirettamente anche sugli altri organi implicati nella regolazione vascolare. Un’ accumulo di metalli pesanti quindi può essere responsabile di un deficit nei meccanismi spontanei di detossificazione messi atto dal corpo umano con il rischio di generare problemi di salute tra cui le emicranie I metalli pesanti svolgono un ruolo speciale nell'emicrania. Il loro accumulo nel corpo blocca i meccanismi naturali di detossificazione, che possono portare a gravi problemi di salute - tra cui emicranie.

4) Il tipo (IPO)GLICEMICO

Lo zucchero, di cui l’industria alimentare induce spesso un consumo eccessivo ed un abuso influisce direttamente sul livello glicemico. È fondamentale mantenere un livello equilibrato della concentrazione di glucosio nel sangue. Il glucosio è il nutriente essenziale per tutte le cellule che lo prelevano direttamente dal È evidente che le persone che assumono carboidrati più volte al giorno sono comunque ipoglicemizzanti. Anche in questo caso un’approccio interdisciplinare è basilare: sport, dieta e uno stile di vita sano sono comunque la base fondamentale per un percorso di salute consapevole.

5) Il tipo ISTAMINICO

Questo tipo di emicrania è molto comune ed è scatenato dall’alta presenza di istamina e tiramina. L’istamina è un composto azotato coinvolto nei meccanismi digestivi, in particolare si origina per decarbossilazione dell’aminoacido L-istidina, attraverso una reazione catalizzata dell’enzima istinina decarbossilasi. In questo caso l’attacco di emicrania è un’immediata conseguenza della nutrizione. L’istamina è infatti molto utilizzata nell’industria alimentare al fine di prolungare la conservazione del cibo nel tempo. In generale, c’è poca informazione riguardo agli effetti dell’istamina infatti la maggior parte della popolazione europea ritiene l’istamina unicamente responsabile delle reazioni allergiche stagionali.

6) Il tipo da STRESS

È noto che c’è un rapporto diretto tra lo stress ed il mal di testa: è un dolore costante, quasi come un elastico (o muscolo tensivo) che preme s Da tempo si sa che l'emicrania e lo stress inevitabilmente appartengono insieme. Molti pazienti subiscono un attacco durante un periodo stressante. Altri li ottengono nella fase di recupero; tipicamente nei fine settimana. Ma cos'è lo stress? Come puoi misurarlo? Come lo gestisci? Come puoi ridurlo? Ora è possibile misurare lo stress con test di laboratorio. È stato dimostrato che le terapie per ridurre lo stress hanno un effetto positivo sull'emicrania. Ma vale la pena fare un passo avanti e non solo affrontare la risposta allo stress in campo mentale, ma anche ridurlo a livello fisico. Per questo è possibile utilizzare alcuni supplementi.

7) Il tipo CISTIFELLEA

Nella TCM, l'area più comune del dolore emicranico è la testa del meridiano della cistifellea. La cistifellea svolge un ruolo speciale nell'emicrania. L'ispessimento della secrezione della cistifellea può portare al blocco della bile. Questo provoca dolore alla testa perché la cistifellea mantiene connessioni nervose e fasciali alla testa. Un concetto nutrizionale adattato e una terapia aggiuntiva del sistema ormonale ti danno la possibilità di trattare la causa dei disturbi della colecisti.

8) Il tipo METABOLICO

Se diverse debolezze fisiche lavorano insieme, può portare a disturbi metabolici. Ciò complica la situazione sanitaria del paziente, perché la ricerca della prima causa è resa più difficile. La somma delle interruzioni metaboliche può innescare violenti attacchi di emicrania. La correzione di queste condizioni è medicalmente impegnativa e richiede più tempo rispetto agli altri tipi di emicrania.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

1. Silberstein SD, Lipton RB, Dalessio DJ. Overview, diagnosis and classification of headache. In: Silberstein SD, Lipton RB, Dalessio DJ, editors. Wolff's headache and other head pain. 7th ed. New York: Oxford University Press, 2001: 6-26

2. Goadsby PJ, Lipton RB, Ferrari MD. Migraine – current understanding and treatment. N Engl J Med 2002; 346 (4): 257-70

3. Lipton RB, Diamond S, Reed M, et al. Migraine diagnosis and treatment: results from the American Migraine Study: II. Headache 2001; 41 (7): 638-45

4. Ferrari MD, Goadsby PJ, Roon KI, et al. Triptans (serotonin, 5-HT1B/1D agonists) in migraine: detailed results and methods of a meta-analysis of 53 trials. Cephalalgia 2002; 22 (8): 633-58

5. Pietrobon D, Striessnig J. Neurobiology of migraine. Nat Rev Neurosci 2003; 4 (5): 386-98

6. Waeber C, Moskowitz MA. Therapeutic implications of central and peripheral neurologic mechanisms in migraine. Neurology 2003; 61 (8 Suppl. 4): S9-S20

7. Goadsby PJ. Can we develop neurally acting drugs for the treatment of migraine? Nat Rev Drug Discov 2005; 4 (9): 741

8. Welch KM. Contemporary concepts of migraine pathogenesis. Neurology 2003; 61 (8 Suppl. 4): S2-8

9. Silberstein SD, Goadsby PJ. Migraine: preventive treatment. Cephalalgia 2002; 22 (7): 491-512

10. Pittler MH, Ernst E. Feverfew for preventing migraine. Cochrane Database Syst Rev 2004; (1): CD002286; 1-10

11. Barsby RW, Salan U, Knight DW, et al. Feverfew and vascular smooth muscle: extracts from fresh and dried plants show opposing pharmacological profiles, dependent upon sesquiterpene lactone content. Planta Med 1993; 59 (1): 20-5

12. Mittra S, Datta A, Singh SK, et al. 5-Hydroxytryptamine-inhibiting property of feverfew: role of parthenolide content. Acta Pharmacol Sin 2000; 21 (12): 1106-14

13. Weber JT, O'Connor MF, Hayataka K, et al. Activity of parthenolide at 5HT2A receptors. J Nat Prod 1997; 60 (6): 651-3

14. Shrivastava R, John GW. Ligand binding study of the interaction of Tanacetum parthenium and Salix alba with 5-HT receptors associated with headache. 2006 (Submitted for publication)

15. Headache Classification Committee of the International Headache Society. ICHD-II. Cephalalgia 2004; 24 Suppl. 1: 1-160

16. Murphy JJ, Heptinstall S, Mitchell JR. Randomised double-blind placebo-controlled trial of feverfew in migraine prevention. Lancet 1988; II (8604): 189-92

17. Diener HC, Pfaffenrath V, Schnitker J, et al. Efficacy and safety of 6.25mg t.i.d. feverfew CO2-extract (MIG-99) in migraine prevention: a randomized, double-blind, multicentre, placebo-controlled study. Cephalalgia 2005; 25 (11): 1031-41

18. Johnson ES, Kadam NP, Hylands DM, et al. Efficacy of feverfew as prophylactic treatment of migraine. BMJ 1985; 291 (6495): 569-73

19. De Weerdt CJ, Bootsma HPR, Hendricks H. Herbal medicines in migraine prevention: randomized double-blind placebo-controlled crossover trial of a feverfew preparation. Phytomedicine 1996; 3: 225-30

20. Pfaffenrath V, Diener HC, Fischer M, et al. The efficacy and safety of Tanacetum parthenium (feverfew) in migraine prophylaxis: a double-blind, multicentre, randomized placebo-controlled dose-response study. Cephalalgia 2002; 22 (7): 523-32

21. Diener HC. Placebo and headache [abstract]. Cephalalgia 2005; 25: 841

22. Palevitch D, Earon G, Carasso R. Feverfew (Tanacetum parthenium) as a prophylactic treatment for migraine: a double-blind placebo-controlled study. Phytother Res 1997; 11: 508-11

23. Khayyal MT, El-Ghazaly MA, Abdallah DM, et al. Mechanisms involved in the anti-inflammatory effect of a standardized willow bark extract. Arzneimittel Forschung 2005; 55 (11): 677-87

24. Groenewegen WA, Heptinstall S. A comparison of the effects of an extract of feverfew and parthenolide, a component of feverfew, on human platelet activity in-vitro. J Pharm Pharmacol 1990; 42 (8): 553-7

25. Reuter U, Chiarugi A, Bolay H, et al. Nuclear factor-kappaB as a molecular target for migraine therapy. Ann Neurol 2002; 51 (4): 507-16

26. Kwok BH, Koh B, Ndubuisi MI, et al. The anti-inflammatory natural product parthenolide from the medicinal herb feverfew directly binds to and inhibits IkappaB kinase. Chem Biol 2001; 8 (8): 759-66

27. Tassorelli C, Greco R, Morazzoni P, et al. Parthenolide is the component of Tanacetum parthenium that inhibits nitroglycerin-induced Fos activation: studies in an animal model of migraine. Cephalalgia 2005; 25 (8): 612-21

28. Burstein R, Collins B, Jakubowski M. Defeating migraine pain with triptans: a race against the development of cutaneous allodynia. Ann Neurol 2004; 55 (1): 19-26

29. Tfelt-Hansen P, Block G, Dahlof C, et al. Guidelines for controlled trials of drugs in migraine, 2nd ed. Cephalalgia 2000; 20 (9): 765-86

INGREDIENTI: Agente di carica: Cellulosa microcristallina; Partenio e.s. (Tanacetum parthenium L. SCH BIP: erba con fiori, 0.5% partenolidi), Salice e.s. (Salix alba L.: corteccia, 30% salicina), Agenti antiagglomeranti: biossido di silicio e sali di magnesio degli acidi grassi; Rame gluconato.

MODALITÀ D’USO: si consiglia l’assunzione di 1 compressa al giorno.
Conservare in luogo fresco e asciutto.

1 CONFEZIONE CONTIENE 60 COMPRESSE
Contenuti medi per 1 compressa


Partenio e.s. 300 mg
Salice e.s. 300 mg
Di cui salicina 90 mg
Rame 1 mg

Valori nutritivi di riferimento (Reg. 1169/2011)

AVVERTENZE: non superare le dosi giornaliere consigliate.
Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata ed un sano stile di vita.
Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età.
Se ne sconsiglia l’uso per bambini e adolescenti.
Se ne sconsiglia l'uso alle persone sensibili ad uno o più ingredienti presenti nel prodotto.

MGE

Registrati

Nuovo account

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password